Intervista all’avvocato cinese dei diritti umani Liang Xiaojun

Avvocato cinese dei diritti umani Liang Xiaojun (Epoch Times)

Direttore di uno studio legale a Pechino, laureato alla prestigiosa Università di Scienze Politiche e Giurisprudenza della Cina, figlio di un importante funzionario del Partito Comunista Cinese. Liang Xiaojun è tutto questo, ma è anche un avvocato disposto a rischiare l’arresto e la sorveglianza della polizia per difendere gli emarginati della società cinese: condannati a morte senza processo, cristiani e prigionieri di coscienza del Falun Gong.

Liang Xiaojun non poteva continuare ad assistere al dilagare dell’ingiustizia in Cina standosene con le mani in mano, da qui il suo sforzo per sostenere i diritti legali nel Paese. Una volta ho difeso un credente a Chenghai, un distretto nel comune di Shantou, ha riferito a Epoch Times. Questa persona ha spiegato di essere stata illegalmente detenuta in una scuola di educazione legale del posto, e di essere stata privata del sonno per oltre dieci giorni, oltre che intimidita e minacciata. Quando ha fatto presente la situazione al tribunale, il Pm ha affermato: “Deve aver commesso un crimine se la pubblica sicurezza è ricorsa alla tortura per convincerla a confessare”.

Un viaggio nella Contea di Xi, nella provincia centrale cinese di Henan, aveva fatto pensare a Liang che essere un avvocato in Cina fosse troppo faticoso: Anche se esistono delle leggi, la polizia lì ripete: “seguo gli ordini del mio capo”; e i responsabili delle decisioni penali rispondono: “non mi parlare di legge; non ti lascerò consultare i documenti del tribunale”.

Epoch Times ha recentemente parlato con Liang Xiaojun, chiedendogli del suo lavoro in Cina; di seguito una traduzione di una parte dell’intervista.

Ha iniziato studiando politica e ideologia, cosa l’ha spinta ad addentrarsi in quel campo a quel tempo?

Ho iniziato il college nel 1991. Allora, la politica era una parte importante della società in Cina, specialmente dopo il Massacro di Piazza Tiananmen nel 1989.

Mio padre era un membro del Partito e aveva un’ideologia molto di sinistra. Supportava fermamente la posizione del Partito, e credeva che la leadership di quest’ultimo fosse indistruttibile. Dato che studiare politica poteva permettere di trovare lavoro più facilmente, mio padre ha scelto questa strada per me. Così ho dato un esame e sono stato ammesso all’Università Normale di Hebei.

 

Liang Xiaojun. (Weibo)

Fino a quando mi sono accorto che era inutile. Infatti, non mi piace la politica, soprattutto l’insegnamento del marxismo-leninismo e maoismo. Ho imparato poco, non mi piacevano le lezioni e sentivo come se gli insegnamenti non avessero senso.

Ho condotto una vita benestante, e non ho incontrato grossi contrattempi. La mia vita era molto tranquilla e ordinaria, e non ho avuto alcun contatto diretto con i poveri.

Ma osservavo coloro che vivevano nei villaggi contadini, ed ero molto solidale verso di loro. Il Paese si stava sviluppando, ma perché così tante persone dovevano vivere in condizioni di povertà e ignoranza? Gli abitanti della città discriminavano i contadini, e trovavo tutto questo difficile da comprendere.

Penso che abitanti di campagna e di città debbano godere dello stesso livello di sviluppo, e che non ci dovrebbe essere alcuna discriminazione. C’è ingiustizia nella società, ho pensato, e sentivo dovesse esistere una sorta di sistema che potesse risolvere queste ingiustizie.

Anche se ero stato indottrinato con le cose del marxismo-leninismo e maoismo, continuava a piacermi molto più la cultura tradizionale cinese. Leggevo i ‘Dialoghi’ di Confucio ed estratti di Mencio. È da questi antichi personaggi e altri insegnamenti sulla virtù che ho imparato ad abbandonare le cose mondane della vita per una nobile causa. La ricerca spirituale ha avuto un profondo impatto su di me.

Nel frattempo stavo studiando legge, perché pensavo che nella legge esistesse qualcosa che valesse la pena esplorare. Ad esempio, la legge include valori come equità e giustizia, che è simile al concetto di “yi” o “rettitudine” di cui parla la cultura tradizionale cinese; in realtà, questi valori sono complementari.

È ancora in contatto con i compagni di classe dell’Università della Cina di Scienze Politiche e Giurisprudenza? Svolgete tutti la stessa professione, ma perché servite diverse tipologie di clientela?

Degli oltre 100 compagni di classe dell’università, sono forse l’unico che ha preso la strada della difesa dei diritti. Ho parlato con alcuni compagni universitari, ma non mi capiscono. Alcuni hanno persino lasciato i gruppi di cui facevo parte….

Alcuni dei miei compagni dell’università di scienze politiche e giurisprudenza lavorano nel sistema della sicurezza pubblica, e ci conosciamo l’un l’altro. Ma non capiscono il tipo di casi legali che seguo.

Quindi non sono rimasto in contatto né con i miei compagni dell’Università Normale di Hebei né con quelli dell’Università della Cina di Scienze Politiche e Giurisprudenza. Primo, non abbiamo niente in comune. Secondo, mantengono le distanze da me.

È meglio che i miei compagni facciano semplicemente quello che vogliono fare. Io sono monitorato, e questo potrebbe influire su di loro se ci teniamo in contatto, dato che molti di loro sono funzionari governativi. Dopo aver considerato la loro situazione, ho deciso di non contattarli.

Quindi, sento che quello che sto facendo sia eccellente e corretto. Sto soddisfacendo lo spirito della legge e difendendo i diritti umani: non c’è nulla di sbagliato in questo. Ho scoperto altre anime affini, e condividiamo una convinzione comune.

Il nome ‘Daoheng’ (??), nel suo studio legale Daoheng, ha qualcosa a che vedere con la cultura tradizionale cinese?

Ho pensato alla cultura tradizionale cinese quando ho scelto il nome. Il carattere “Dao” (?), deriva da “Il Tao è una via che può essere seguita, ma non è una via ordinaria”, e dal “Taoismo segue la natura”, mentre “Heng” (?) significa “equilibrio”.

Perché il logo aziendale dello studio legale Daoheng include queste parole: ‘Prestare attenzione alla condanna a morte’?

Abbiamo accettato di prendere in causa diversi casi di condanne a morte. Alcuni dei nostri clienti si sono visti ridurre la sentenza all’ergastolo, o a un tempo limitato di carcere, e altri sono stati addirittura riconosciuti come innocenti.

Come avvocato, quando i miei clienti vengono condannati a morte, non riesco a non provare compassione. Non so cosa possano pensare i giudici che approvano l’ordine di esecuzione, dal momento che come da procedura legale devono incontrare gli imputati, le persone che finiranno nel braccio della morte. Dopo averli incontrati, i giudici ordinano l’esecuzione e questo è quanto. Non riesco a capire come i giudici possano affrontare mentalmente tutto questo.

Mi sento davvero a disagio quando so che i miei clienti dovranno essere giustiziati; a volte la notte sogno persino i miei clienti e il momento dell’esecuzione. Le persone commettono crimini legati alla droga perché sono povere. Per un po’ di soldi, i corrieri della droga perdono la vita. Essere poveri non è una loro colpa, e uccidere queste persone non risolve il problema.

La Cina ha sempre adottato il pugno duro contro i crimini di droga. Tuttavia, questo tipo di crimini non sono diminuiti, anzi stanno aumentando. La pena di morte è una questione legalmente e politicamente complicata. Un governo autoritario ne sente il bisogno per mantenere il suo potere e per intimidire le persone.

Gli studi legali cinesi hanno solitamente un comitato di Partito e dei leader di Partito. Il suo ufficio ha un comitato di Partito?

Lo studio legale Daoheng non ha un comitato di Partito.

Quale processo giudiziario crede sia il più opprimente?

Il processo a Liu Wei nella provincia dello Sichuan è stato il più oppressivo per la mia esperienza.

Liu era uno studente al Politecnico di Pechino e uno dei manifestanti di Piazza Tiananmen. Dopo aver finito scuola ed essere tornato nello Sichuan, la polizia ha continuato a molestarlo. Tutto quello che poteva fare era affidarsi a un avvocato dei diritti e lavorare come dissidente.

L’uso delle tattiche intimidatorie da parte del Partito Comunista Cinese nei confronti dei dissidenti non ha eguali: quando è in corso un processo, un gran numero di poliziotti in tenuta antisommossa entra in aula indossando elmetti metallici e imbracciando fucili caricati con proiettili veri.

Altri casi molto oppressivi sono quelli che riguardano i praticanti del Falun Gong [una disciplina tradizionale cinese di meditazione che è perseguitata in Cina, ndr].

Che effetto ha avuto sulla comunità legale cinese l’arresto diffuso degli avvocati il 9 luglio dello scorso anno?

La repressione ha avuto effetto in alcune aree, ma penso che stiano apparendo ora molti nuovi avvocati. Tutti continuano a fare il loro lavoro con perseveranza.

Ci sono molti avvocati, ma non molti ‘avvocati dei diritti umani’, perché ha deciso di diventare uno di questi ultimi?

Come avvocato difensore, ho scoperto che esistevano molte persone che venivano represse dalle autorità locali e sottoposte a processi e sentenze ingiuste.

 

Liang Xiaojun. (Weibo)

Nel 2008, ho rappresentato Kashgar Alimujiang nello Xinjiang, un tipico caso di persecuzione politica e religiosa. Alimujiang, un cristiano convertito dall’islam, è stato segnalato dall’ufficio religioso locale dopo aver iniziato a organizzare una chiesa-famiglia. Successivamente è stato arrestato per “aver fornito segreti di Stato a stranieri”, e condannato a 15 anni di carcere.

La procura dello Xinjiang non aveva abbastanza prove per perseguire Alimujiang, e le sue azioni non lo rendevano colpevole. Ma è stato condannato a prescindere.

Quando poi ho iniziato a rappresentare casi del Falun Gong, ho scoperto che era difficile incontrare i miei clienti, difficile rivedere i documenti del tribunale e difficile garantire un processo giudiziario. Ogni passo era una sfida, a causa delle interferenze da parte delle forze di pubblica sicurezza, della procura e dei tribunali.

Dopo aver preso in carico casi del Falun Gong, mi rendo conto che nel sistema attuale cinese sono il gruppo più duramente perseguitato. Così ho deciso di difendere queste persone i cui diritti sono stati veramente calpestati.

Dal 2009, ho accettato di seguire tra gli 80 e i 100 casi del Falun Gong. Le autorità hanno portato avanti forti pressioni contro di me: l’ufficio giudiziario è venuto a cercarmi, e così hanno fatto altri reparti. Tali reparti mi hanno detto che non potevo rappresentare i praticanti del Falun Gong, e che quello che stavo facendo era molto pericoloso.

Dato che la pressione era così enorme, molti avvocati che hanno seguito questi casi hanno smesso di rappresentare i praticanti del Falun Gong. Ma io non mi sono mai dato per vinto.

Su cosa sta lavorando in questi giorni, e qual è il caso più recente?

Gli avvocati che sono stati arrestati nel luglio dello scorso anno sono tutti miei amici, e ho sempre voluto aiutarli.

Sono ora in una situazione in cui il centro di detenzione di Tianjin sta dicendo che il mio cliente ha assunto un altro avvocato, e stanno quindi rifiutando la mia rappresentanza legale. Sono in questa situazione anche tutti gli altri avvocati assunti dalle famiglie degli avvocati arrestati durante la repressione “709” …

Liang Xiaojun (Destra). (Weibo)

Anche se ora sono piuttosto impegnato, cerco di dare una mano ogni volta che posso ai casi del Falun Gong, perché so che è difficile per loro trovare un avvocato.

Il mio caso più recente riguarda un praticante del Falun Gong del distretto di Changping a Pechino. Il mio cliente è stato arrestato per aver appeso striscioni che promuovevano il Falun Gong. Casi come questi sono molto rari da due anni a questa parte, e la maggior parte delle persone vengono arrestate invece per aver diffuso Cd o altro materiale del Falun Gong. Credo che appendere striscioni sia un atto piuttosto speciale e coraggioso.

Crede che l’appendere striscioni, anche se una persona lo ammette, conti come infrangere la legge?

Non credo. Dico questo in ogni tribunale: Queste persone stanno protestando in modo molto razionale e non violento, e non causano alcun danno alla società.

Quindi penso che dovremmo sostenere questa forma di protesta. Reprimere gli aderenti al Falun Gong per queste ragioni è una violazione dei loro diritti personali e di proprietà.

Io dico sempre che dovremmo fornire a queste persone un’occasione per poter parlare. Non è possibile chiudere tutte le porte, e vietare alle persone di parlare. Questo semplicemente non funziona! Il regime dovrebbe permettere alle persone di parlare, indipendentemente da quello che hanno da dire, perché hanno il diritto alla libertà di parola.

Il regime non può sempre ricorrere alla repressione o usare mezzi legali come forma di repressione.

Quanto chiede per i casi relativi al Falun Gong?

Non posso accettare troppi soldi dai praticanti del Falun Gong. Questo gruppo viene perseguitato da oltre 10 anni, e i praticanti conducono una vita molto difficile.

A livello personale, mi è sufficiente condurre una vita normale, una vita sicura, per star bene. Se potessi fare alcune cose significative, sarebbe ancora meglio. In tempi normali, vivo in modo molto semplice: oltre a fare ciò per cui credo, educo mio figlio, leggo e scrivo articoli. Questo è già abbastanza per me.

In realtà, la mia vita è piuttosto monotona. Non fumo, non bevo, non partecipo ad eventi, e non ho molta interazione sociale. Quindi non ho molto bisogno di denaro.

Alcune persone credono che, nel prendersi in carico i casi del Falun Gong, lei stia andando contro le autorità e stia facendo ‘politica’. Cosa pensa in merito?

La politica è ovunque, ovunque nella nostra vita. Non si può stare alla larga dalla politica, anche se lo si vuole. Questo è particolarmente vero per coloro che studiano politica e legge; data la mia formazione, presto attenzione alle questioni politiche della Cina.

Come avvocato, seguo i casi del Falun Gong perché penso che questi casi e le relative sentenze violino l’idea di Stato di diritto, e vadano contro lo spirito di equità e di giustizia. È per questo che li seguo, e non credo che siano di natura politica.

Lei ha visitato alcuni centri di lavaggio del cervello. Oltre ai praticanti del Falun Gong, rinchiusi lì vi sono altre persone di altre fedi?

So che in questi centri di lavaggio del cervello, oltre a persone che praticano il Falun Gong, vi sono anche cattolici.

Nella città di Baoding, il cattolicesimo è molto popolare e vi sono diverse chiese-famiglia. Se queste chiese rifiutano di essere gestite dal “Movimento delle Tre Autonomie” (chiese controllate dal Partito Comunista cinese), i loro vescovi o sacerdoti saranno inviati in centri di formazione legale, o centri di lavaggio del cervello, nel tentativo di farli unire al Movimento delle Tre Autonomie. Se i preti o vescovi riconoscono la leadership del Partito, verrebbero lasciati stare. In caso contrario, devono essere rinchiusi in questi centri.

Un vescovo di Baoding è stato dato per “scomparso” da parte delle autorità cinesi, e non si hanno sue tracce da quasi 20 anni. Nessuno sa dove sia finito. Ora ha circa 80 anni e dovrebbe essere vivo, altrimenti la sua famiglia sarebbe stata contattata per reclamare il suo corpo. Ma anche nel caso fosse vivo, la sua famiglia potrebbe non avere più la possibilità di vederlo.

Una volta le è stato proibito di viaggiare all’estero, con la scusa che avrebbe messo in pericolo la sicurezza nazionale. Pensa di essere monitorato ora?

Certo, la polizia mi cerca, ma non ci penso molto. Questo è il prezzo necessario da pagare per il mio tipo di lavoro.

Ma ora si può avvertire che i poliziotti di basso rango e altro personale di sicurezza stanno cambiando il loro atteggiamento. Penso che abbiamo bisogno di muoverci con discrezione; se continuiamo a combattere ferocemente, la polizia potrebbe reagire negativamente.

Per esempio, quando la comunità del Falun Gong è un esempio per la società, e gli avvocati descrivono il loro comportamento alle persone che lavorano nella sicurezza pubblica, procura e tribunali, queste persone ascolteranno, simpatizzeranno e cambieranno il loro pensiero. Il loro cambiamento potrebbe avere un impatto sulla situazione generale in Cina.

Utilizza ancora Weibo? (Popolare piattaforma social cinese offerta dal gigante internet Sina)

Evito Weibo. Ora sempre meno persone usano Weibo perché Sina potrebbe cancellare i messaggi, chiudere i profili, e utilizzare altre forme di censura online. Così ho smesso di usare Weibo.

Il mio account è ancora attivo, ma i miei follower sono stati limitati a circa 9mila. Sina non ti consente di avere 10mila follower. Ho notato che le persone che mi seguono vengono automaticamente rimosse; Sina può manipolare le cose da dietro le quinte.

Dopo che ho scritto un post, verrà sottoposto alla supervisione di moderatori. Se il post va bene, Sina ne permetterà la visualizzazione. In caso contrario, verrà rifiutato.

Ora ho Twitter. I miei messaggi non vengono eliminati, e il mio account non viene limitato. Tuttavia molte persone in Cina non possono accedere a Twitter senza eludere il Grande Firewall Cinese.

Ha scritto su Weibo: Oggi è il primo giorno di scuola elementare per mio figlio. Mi sento in conflitto. Spero che possa imparare la cultura, ma sono preoccupato che riceva invece un lavaggio del cervello, dove perderà tempo in lezioni di moralità e vedrà la sua vera natura venir soffocata da una sciarpa rossa. Non crede che l’educazione morale sia comunque importante?

Ha ragione; da una interpretazione delle parole in superficie, l’educazione morale è molto importante. Ma è anche necessario esaminare il contenuto e il significato dietro quelle “lezioni di moralità”.

L’educazione alla moralità in Cina non comprende l’insegnare alle persone a cercare il lato compassionevole negli esseri umani. Sono più cose prese dal marxismo-leninismo, maoismo, le teorie di Deng Xiaoping, e slogan come “Cinque Discipline, Quattro grazie e tre amori”: è tutto indottrinamento.

Perché c’è bisogno di un indottrinamento? L’indottrinamento è in realtà una sorta di lavaggio del cervello, qualcosa che va contro la natura umana. L’indottrinamento è utilizzato per rafforzare il dominio del Partito; enfatizza che gli individui dovrebbero sacrificare la loro vita per il bene del Paese e del Partito; penso che questo genere di cose possano orientare le persone su un sentiero malvagio.

Credo che la cosa più importante nella formazione degli individui sia insegnare alle persone che ognuno può fare le proprie scelte, e sapranno cosa devono cercare. Non si tratta di convincere la gente a fare le cose attraverso l’indottrinamento.

Nella sua pagina Weibo ha lo slogan ‘on the road’. Cosa significa?

Viviamo la nostra vita on the road, un processo di rinascita dopo la morte. Inoltre, siamo on the road per una marea di cose: verso una società che è governata dalla legge, e verso la ricerca di equità e giustizia. Naturalmente, a livello superficiale, si spiega col fatto che viaggio sempre molto, e, quindi, sono sempre on the road.

Lo stato di vita ideale, lo stato ideale della società, e lo stato ideale di questo Paese verrà alla fine realizzato. Ma attualmente siamo on the road verso questo obiettivo o, in altre parole, le cose sono ancora in uno stato incompleto.

Questa è in effetti la realtà. Lo stato ideale di vita, lo stato ideale della società, e lo stato ideale del Paese verranno tutti, alla fine, realizzati. Tuttavia, è uno stato di incompletezza mentre si è ancora sul percorso.

Articolo in inglese: Upholding Justice in China— an Interview With Human Rights Lawyer Liang Xiaojun

 

 

 

Top