Seconda giornata, vittorie in rimonta per Juve, Inter e Napoli

Belotti contro il Sassuolo, 27 agosto 2017 (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

Nella seconda giornata di serie A continuano a vincere Juventus, Napoli, Milan e Inter, anche se non senza alcuna difficoltà. Arrivano le prime vittorie invece per la Lazio e per il Torino, quest’ultima ottenuta grazie anche a un gol stratosferico di Belotti. Vince a sorpresa anche la Spal contro l’Udinese, che rimane ancora all’asciutto di punti assieme a Fiorentina, Cagliari Benevento e Atalanta, squadra rivelazione della scorsa stagione.

Tuttavia, due sole partite non dicono ancora nulla su quali saranno i futuri equilibri e le eventuali outsider del campionato, ma al massimo sono un segnale dell’attuale condizione atletica delle squadre e del loro lavoro durante la pausa estiva. Per Juventus, Napoli e Inter, la vittoria è arrivata in rimonta, e questo è indice a sua volta della presenza di un po’ di ruggine da smaltire nei meccanismi di gioco, inevitabile quando non siamo neanche ai primi di settembre.

Tra tutti gli incontri di questa seconda giornata spicca già il primo big match di campionato tra Roma e Inter, dove hanno avuto la meglio gli uomini di Spalletti, che porta così a casa tre punti importanti davanti al suo ex stadio e a molti dei suoi ex giocatori. La Roma era passata in vantaggio grazie a un gol di Dzeko nella prima frazione di gioco e, fatta eccezione per i primi istanti di match, i giallorossi hanno dominato l’Inter per 70 minuti circa, per poi crollare nel finale dopo il gol del pareggio di Icardi. Anche dopo il pareggio, l’iniziativa è rimasta sempre tra i piedi degli uomini di Di Francesco, che si sono di conseguenza scoperti troppo in difesa incassando gli altri due gol su contropiede dei nerazzurri. Il risultato finale per 1 a 3 è un po’ bugiardo per quello che si è visto in campo, e forse sarebbe stato più giusto un pareggio.

Altra vittoria in rimonta è stata quella della Juventus a Genova. I bianconeri, ritrovatisi sotto per due reti a zero appena dopo sette minuti, hanno aggiustato l’andamento del match grazie a un Dybala trascinatore, che ha consentito ad Allegri di continuare a sorridere sul risultato finale di 2 a 4. Stesso copione a Bergamo, dove il Napoli è apparso in difficoltà ad avvio gara, andando sotto di una rete, per poi concludere in discesa iniziando dal pareggio spettacolare di Zielinski, fino al vantaggio di Mertens e l’1 a 3 finale di Rog.

Anche il Milan contro il Cagliari non ha giocato proprio sul velluto, e dopo il vantaggio di Cutrone al decimo minuto, i rossoneri si sono visti raggiungere al 56esimo da Joao Pedro. Serve una punizione di Suso al 70esimo per regalare la seconda vittoria a Montella in questa stagione.

Bella invece la prova del Torino che in casa annienta un Sassuolo apparso un po’ smarrito dopo l’addio di Di Francesco e alcuni dei suoi uomini chiave come Defrel e Pellegrini. Bellissimo il gol in rovesciata del Gallo Belotti, che con le sue prodezze continua a far parlare di sé anche in chiave mercato: i campioni di Francia sono in agguato ma i granata vorrebbero tenerlo, almeno fino a gennaio.

In attesa di sapere del destino del suo pupillo, Patrik Schick, continua a vincere anche la Sampdoria, questa volta con una buona prova al Franchi contro i viola per 1 a 2; arrivano i tre punti anche per la Lazio contro il Chievo a Verona, che agguanta il vantaggio dell’1 a 2 con gol allo scadere di Milinkovic, e per la Spal, che si impone in casa con orgoglio contro l’udinese, con Rizzo che sigla il gol del 3 a 2 al 94esimo. Finisce a reti inviolate invece tra Crotone e Verona.

Un capitolo a parte va riservato all’introduzione della Var (Video Assistant Referee), la nuova tecnologia di assistenza all’arbitro che, se nel terzo anticipo di sabato ha negato giustamente il pareggio dell’1 a 1 al Benevento al suo debutto in casa in A contro il Bologna, non è stata altrettanto ineccepibile nel match dell’Olimpico, dove molto probabilmente c’era il rigore non assegnato per fallo di Skriniar su Perotti.



Top