Scoperte in Sudafrica sfere datate 2,8 miliardi di anni: come si sono formate?

In alto a sinistra e in basso a destra: sfere, note come sfere di Klerksdorp, trovate nei depositi di pirofillite (Wonderstone) vicino a Ottosdal, in Sudafrica. In alto a destra e in basso a sinistra: oggetti conosciuti come marmi Moqui del Navajo Sandstone, nel Sud-est dello Utah. (Robert Huggett e Paul Henrich)

L’universo è pieno di misteri che sfidano le nostre conoscenze. Nella sezione ‘Ai confini della realtà: Viaggio nei misteri della Scienza’ Epoch Times raccoglie storie che riguardano questi strani fenomeni per stimolare l’immaginazione e aprire possibilità ignote. Se siano vere o no, sei tu a deciderlo.

Oopart (Out of places artifact -Manufatti fuori posto) è un termine applicato a dozzine di oggetti preistorici ritrovati in vari luoghi del mondo che sembrano caratterizzati da un livello tecnologico incongruo rispetto al tempo in cui sono stati costruiti. Gli oopart spesso frustrano gli scienziati tradizionali, deliziano gli investigatori avventurosi aperti a teorie alternative e animano il dibattito.

Alcune sfere trovate nelle miniere del Sudafrica hanno suscitato la curiosità dei ricercatori per decenni. Secondo Michael Cremo e altri ricercatori della cultura preistorica, queste sfere si aggiungono a un insieme di evidenze che suggeriscono che la vita intelligente è esistita sulla Terra molto prima della visione convenzionale della storia.

Cremo ha viaggiato per il mondo alla raccolta di informazioni sui manufatti fuori luogo; ha annotato le sue scoperte nel famoso libro, Archeologia Proibita: La storia segreta della razza umana.

Nel 1984, mentre indagava sulle sfere, ha contattato Roelf Marx, curatore del museo di Klerksdorp in Sudafrica, dove sono conservate alcune delle sfere. Marx ha detto che le sfere hanno circa 2,8 miliardi di anni, una superficie molto dura e una struttura fibrosa all’interno. Le ha trovate molto strane e sconcertanti.

Marx ha scritto, secondo Cremo: «Non c’è nulla di scientifico pubblicato sulle sfere, ma i fatti sono: si trovano nella pirofillite, che viene estratta nei pressi della cittadina di Ottosdal nel Transvaal occidentale. Questa pirofillite è un minerale secondario abbastanza morbido con un conteggio di soli tre nella scala Mohs e si è formato per sedimentazione circa 2,8 miliardi di anni fa».

«D’altra parte le sfere, che hanno una struttura fibrosa all’interno con un guscio intorno ad essa, sono molto dure e non possono essere graffiate, neanche dall’acciaio. La scala di durezza Mohs prende il nome da Friedrich Mohs, che scelse dieci minerali come punti di riferimento per la durezza di confronto, il talco è il più morbido e il diamante il più duro».

L’acciaio si colloca da 6,5 a 7.5 della scala Mohs, quindi le sfere sarebbero più dure, secondo Marx.

SI SONO FORMATE NATURALMENTE?

Alcuni dicono che le sfere si sono formate grazie a un processo naturale di concrezione. Le concrezioni sono masse di materia minerale indurita.

Alcune delle cosiddette sfere di Klerksdorp sono di forma ellittica con creste ruvide intorno al centro. Ma alcune sono così equilibrate nella forma e proporzioni, e le scanalature intorno a loro sembrano così dritte e intagliate a mano, che sembra improbabile che si siano formate naturalmente, dicono i sostenitori della teoria secondo cui queste sfere sono state fatte da esseri intelligenti.

Nel 2002 il Museo di Klerksdorp ha inserito una lettera da John Hund di Pietersburg in Sudafrica, sul suo sito web. Le affermazioni fatte in questa lettera non sono state verificate, secondo il geologo Paul V. Heinrich e la lettera è stata successivamente rimossa. Hund ha dichiarato che una delle sfere è stata testata presso il California Space Institute e gli scienziati hanno concluso che il suo equilibrio «è così buono, ha superato il limite della loro tecnologia di misurazione». Era «entro un centimillesimo di un pollice (2,54 centimetri) dalla perfezione assoluta».

Heinrich non ha trovato le sfere sudafricane che ha studiato perfettamente equilibrate e sagomate.

MARMI MOQUI DELLO UTAH

Nello Utah sono state trovate sfere simili. Sono di circa due milioni di anni e sono conosciute come biglie Moqui o sfere Moqui. La leggenda vuole che gli antenati defunti dei nativi americani Hopi giocassero con le biglie e le lasciassero come messaggi ai loro parenti per informarli che erano felici e stavano bene.

I marmi Moqui hanno un interno di sabbia e un esterno rotondo duro fatto di ossido di ferro. I test di Heinrich su una delle sfere Klerksdorp hanno mostrato che sono fatte diematite, una forma minerale dell’ossido di ferro. Ha scoperto che un’altra sfera Klerksdorp era costituita dal minerale wollastonite e da ematite e goethite, un ossido di ferro idrato.

Varie teorie su come potrebbero essere state fatte queste sfere sono presentate da coloro che dicono che sono fenomeni naturali. La dottoressa Karrie Weber presso l’Università del Nebraska-Lincoln sta cercando i microbi che secondo lei potrebbero aver contribuito a formare le sfere con i sottoprodotti dei loro processi vitali.

Il geologo Dave Crosby, che ha svolto la ricerca nello Utah dove si trovano i marmi Moqui, ha originariamente ipotizzato che un impatto meteorico sparse le sfere di metallo fuse che poi si condensarono in granelli di sabbia. Dopo un esame più attento, come spiegato su RocksandMinerals.com, non ha trovato alcuna prova di un impatto meteorico. Ha poi sviluppato una teoria che coinvolge l’acqua piovana che dissolve il ferro e altri minerali e li trasporta per le acque sotterranee. Mentre attraversano le acque sotterranee, gli ioni vengono depositati attorno a granelli di sabbia che formano le sfere.

Cremo e altri che pensano che gli artefatti fuori luogo siano la prova di civiltà preistoriche avanzate, dicono che gli scienziati tradizionali hanno bisogno di essere più audaci e più disposti a riconoscere la prova che potrebbe contraddire le opinioni dominanti.

Articolo in inglese: 2.8-Billion-Year-Old Spheres Found in South Africa: How Were They Made?

Vuoi scoprire i misteri dell'Universo?
Segui la nostra pagina Viaggio nei Misteri della Scienza!

Top