Ritorno mucca pazza? Coldiretti: carni italiane sicure al 100 per cento

(shutterstock)

La ‘mucca pazza’ era ormai un lontano ricordo, ma la recente notizia della morte sospetta di una donna di Lecce di 49 anni, alla quale è stata diagnosticata la malattia di Creutzfeldt-Jakob (Mcj), ripropone all’attualità un problema che si credeva ormai risolto.

Per Rolando Manfredini, responsabile sicurezza alimentare di Coldiretti, è allarmismo ingiustificato: «Intanto bisogna aspettare che vengano fatte tutte le verifiche, per stabilire se la signora sia stata affetta dal morbo della mucca pazza». La Mcj, spiega Manfredini, «E’ una malattia spongiforme dell’encefalo che ha una certa incidenza sulla popolazione e non è per forza collegata al morbo della mucca pazza».
La stessa Asl di Lecce ha reso noto che «Non si conoscono ancora le origini della malattia» e i medici di Casarano attendono una nuova valutazione neurologica prima di poter dire che si tratti della variante della Mcj, ovvero del morbo della mucca pazza, secondo quanto riporta Agi.

Anche se si trattasse di morbo della mucca pazza dovuto al consumo di carne bovina, per Manfredini c’è da tenere in considerazione che il sintomo di questa malattia si manifesta dopo «Molti anni» e quindi riguardo al caso della signora di Lecce potrebbe essere sicuramente «Un retaggio del passato. Se venisse confermato che è stata contaminata dal morbo della mucca pazza, [il contagio, ndr] non sarebbe certamente di adesso».

Il responsabile sicurezza alimentare di Coldiretti, assicura il consumatore italiano che sulla carne bovina può stare tranquillo e che non c’è «Assolutamente alcun tipo di pericolo, anche perché in Italia sui bovini sono anni e anni che non si verificano casi [di mucca pazza, ndr], quindi la nostra carne è sicura al 100 per cento. E’ stato anche certificato dall’Unione Europea, che ha inserito l’Italia nei Paesi a rischio trascurabile». Quest’ultimo, continua Manfredini è «Un fatto importantissimo», quindi, «Non corriamo praticamente nessun rischio o pericolo per questa malattia», conclude Manfredini. Che fa notare come negli ultimi anni si sia ricominciato a mangiare carne bovina senza problemi.

Anche per quanto riguarda le carni importate, secondo Manfredini rispetto ad altri Paesi possiamo stare tranquilli «Perché noi è vero che importiamo, ma importiamo da quei Paesi dove non ci sono rischi». E i controlli in Italia garantiscono la sicurezza.

 

Immagine concessa da shutterstock

Top