Persone reali con super poteri da personaggi dei fumetti

In Kazakistan, un uomo di 83 anni può frantumare le rocce a mani nude. Leggi la sua e altre storie fenomenali di persone reali con abilità più insolite di quelle dei personaggi di fantasia. (Shutterstock)

1. IL FRANTUMA PIETRE

Seken Tolebekov, 83enne del Kazakistan, può frantumare le pietre a mani nude. Ha scoperto di avere questa capacità quando aveva 24 anni.

Secondo quanto riporta il sito kazako Tengri News, ha raccontato: «Credo di avere una sorta di potere nelle mie mani. Sto invecchiando, ma le mie mani sono ancora forti. Sono convinto di aver ricevuto questo potere dal cielo. Tutto è cominciato quando ero giovane. Continuavo a percepire del calore nella mia mano destra in ogni momento, successivamente ho avvertito l’impulso di frantumare una roccia».

«A volte altre persone cercano di replicare quello che faccio, ma va sempre a finire con lesioni e fratture ossee ? ha detto ? Non sento alcun dolore quando la mia mano viene a contatto con le pietre, è come se stessi frantumando della sabbia».

2. IL MAGNETO MALESE

Liew Thow Lin, un imprenditore malese in pensione di 80 anni, può attaccare degli oggetti metallici sul suo corpo come fosse una calamita ed è anche riuscito ad attirare a se un’automobile. Nel 2005, è stato presentato nel programma One Step Beyond su Discovery Channel. Medici e ricercatori hanno esaminato il suo corpo per rilevare l’eventuale presenza di un campo magnetico e per vedere se la sua pelle appariva in qualche modo insolita.

Non hanno rilevato alcun campo magnetico intorno al suo corpo; nonostante ciò, oggetti di metallo di grandi dimensioni si attaccano a lui saldamente. I ricercatori non hanno riscontrato niente di insolito – rimane un mistero.

I suoi figli e suoi nipoti hanno la sua stessa capacità.

 width=

Liew Thow Lin nel programma One Step Beyond su Discovery Channel. (Screenshot/HowStuffWorks.com)

3. L’UOMO CHE NON DORME

Nel distretto di Que Son della provincia del Quang Nam in Vietnam, Ngoc Thai ha trascorso più di 30 anni senza dormire. Il 60enne Ngoc, ha provato farmaci, rimedi popolari e persino a bere fino allo stordimento, ma non è riuscito ad addormentarsi. I medici gli hanno accordato un certificato di buona salute e lui non sembra essere molto influenzato dall’insonnia. Con un totale di 24 ore a disposizione, conduce ? rispetto alla maggior parte delle persone ? una vita molto più produttiva.

Nel 2006, Ngoc ha detto al quotidiano vietnamita Thanh Nien News: «Non so se l’insonnia abbia avuto o meno un impatto sulla mia salute, ma io sono ancora in forma e posso svolgere il lavoro agricolo normalmente come gli altri».

Per saperne di più su Ngoc e sul fenomeno dell’insonnia: Ngoc Thai: l’uomo che non dorme

4. GLI UOMINI PIPISTRELLO

Sono state identificate almeno due persone non vedenti con la capacità di utilizzare l’ecolocazione, come fanno i pipistrelli e i delfini, per trovare la loro via con grande precisione.

Daniel Kish ha perso la vista da bambino. Ha iniziato a fare degli schiocchi con la lingua e adesso, all’età di 47 anni, questo suono può aiutarlo ad andare in bicicletta in mezzo al traffico senza problemi. Nell’edizione del luglio 2013 di National Geographic, Kish ha spiegato come funziona l’ecolocazione umana: «Le onde sonore sono prodotte da ogni schiocco della lingua. Queste onde rimbalzano sulle superfici circostanti e ritornano alle mie orecchie come dei deboli echi. Il mio cervello elabora gli echi in immagini dinamiche. È come avere una conversazione con l’ambiente circostante».

A Ben Underwood sono stati asportati entrambi gli occhi all’età di tre anni a causa del cancro. Anche lui aveva imparato ad orientarsi con l’ecolocazione e ha vissuto una vita relativamente normale, andando in bicicletta, facendo sport e altro ancora. È morto nel 2009 all’età di 15 anni.

 width=

Ben Underwood su un sito web fondato in sua memoria. (Screenshot/BenUnderwood.com)

5. MAESTRI DI QIGONG E MONACI CHE COLTIVANO CAPACITÀ SOPRANNATURALI

La coltivazione della mente e del corpo ha intensi effetti soprannaturali che possono essere misurati. Nel 1998, la professoressa Lu Yanfang e decine di scienziati americani hanno condotto una ricerca sui maestri di qigong in Cina.

Il qigong è un’antica pratica che comporta la coltivazione dell’energia, non solo facendo esercizi di meditazione, ma anche migliorando la natura della mente e del cuore, in quanto si dice che la mente e il corpo siano un’unica entità. È risaputo avere effetti curativi.

Nella sua ricerca, la Yanfang aveva riscontrato che i maestri di qigong sono stati in grado di emettere potenti scariche di onde infrasonore, da cento a mille volte più forti degli individui medi.

Persino i principianti nella pratica emettevano, entro poche settimane, cinque volte l’energia infrasonora rispetto a prima di iniziare ad esercitarsi.

Nel 1988, uno studio simile pubblicato dall’Istituto di Medicina tradizionale cinese di Pechino, ha riscontrato che il qi emesso dai maestri di qigong potrebbe essere misurato, in parte, come onde infrasonore. Hanno emesso tali onde cento volte più forti rispetto ad una persona comune. Entrambi gli studi sono descritti in dettaglio dall’Istituto China Healthways.

In un articolo della Gazzetta dell’Università di Harvard del 2002 è stato descritto un esperimento condotto sui monaci tibetani dell’India settentrionale.

I monaci, vestiti con abiti leggeri, sono stati condotti in una stanza dove la temperatura era di 4 gradi Celsius. Sono entrati in uno stato di profonda meditazione e sulle loro spalle sono state appoggiate delle lenzuola ammollate in acqua fredda.

L’articolo spiega che in queste condizioni una persona normale avrebbe tremato in modo incontrollabile e il calo della temperatura corporea avrebbe potuto addirittura provocarne la morte.

 width=

Una persona che pratica la meditazione della Falun Dafa. (Jeff Nenarella/Epoch Times)

Tuttavia, il corpo dei monaci è rimasto caldo e con il loro calore hanno asciugato le lenzuola poste sulle loro spalle. Una volta che queste si erano asciugate, ne sono state appoggiate delle altre bagnate con acqua ancora più fredda. Nel corso di diverse ore,ciascun monaco ha asciugato tre lenzuola.

Herbert Benson, che ha studiato tecnica di meditazione per 20 anni, ha detto alGazzette: «I buddisti sentono che la realtà in cui viviamo non è quella definitiva. C’è un’altra realtà alla quale possiamo connetterci che non è influenzata dalle nostre emozioni e dal nostro mondo ordinario. I buddisti credono che questo stato d’animo possa essere raggiunto facendo del bene agli altri e con la meditazione».

Ha detto che il calore emanato dai loro corpi era solo un sottoprodotto della meditazione.

Molti di questi esperimenti sono stati effettuati su persone che praticano la meditazione e si è scoperto che alcuni di loro sono in grado di emanare grandi quantità di diversi tipi di energia in forme che possono essere misurate. Sono anche in grado di controllare il metabolismo e altri processi corporei.

Articolo in inglese: Real People With Comic-Book Super Powers

Vuoi scoprire i misteri dell'Universo?
Segui la nostra pagina Viaggio nei Misteri della Scienza!

Top