Lo schermo invisibile

lo schermo del Pc (creative commons)

I ricercatori dell’Università della California, Berkeley (Ucb) hanno inventato un dispositivo per l’emissione di luce, largo solo pochi millimetri e completamente trasparente quando è spento.

Il materiale luminescente del dispositivo è un semiconduttore con un solo singolo strato con lo spessore di soli tre atomi. Der-Hsien Lien, co-autore della tesi, studente di post-dottorato presso la Ucb spiega: «Questi materiali sono molto sottili e flessibili, quindi il dispositivo è trasparente e può essere adattato alle superfici curve». La tesi dello studio è stata pubblicata sulla rivista Nature Communications il 26 marzo 2018.

Il dispositivo è stato inventato nel laboratorio del professore Ali Javey, della facoltà di ingegneria elettronica e informatica del’Ucb.
Nel 2015 il professor Javey aveva già pubblicato un articolo sulla rivista Science affermando che i semiconduttori monostrato possono emettere luce intensa, ma a quel tempo la sua squadra non era riuscita a costruire un dispositivo che emettesse luce a causa dei limiti fondamentali dell’uso della tecnologia Led (diodi ad emissione luminosa) in tandem con i semiconduttori monostrati.

Questa volta il suo team ha superato gli ostacoli fondamentali mettendo il monostrato semiconduttore su un isolante, degli elettrodi nel mezzo, permettendo così alla corrente alternata di attraversare lo strato passando sulla superficie. Quando la corrente alternata commuta la polarità da positiva a negativa (e viceversa), nel semiconduttore sono presenti contemporaneamente sia cariche positive che negative; questo crea la luce.
Gli studiosi hanno dimostrato che questo meccanismo funziona con quattro diversi materiali monostrato, infatti quattro diversi materiali a strato singolo possono essere utilizzati per emettere luci di diverso colore.

Tuttavia, servono ancora lunghe ricerche su questa tecnologia. Il primo traguardo è quello aumentare efficienza, la cui misurazione – in un dispositivo del genere – non è facile: lo strumento che si usa per misurare l’efficienza lascia un margine di errore significativo. I ricercatori dichiarano per adesso un’efficienza intorno all’1 per cento, mentre l’attuale efficienza dei Led commerciali è al 25/30 per cento.

Secondo i ricercatori questa tecnologia avrà molteplici usi pratici in futuro. Questa nuova scoperta può anche essere utilizzata per altri dispositivi, con altri tipi di materiali e un giorno potrà essere utilizzata negli schermi invisibili.

 

Top