L’autostrada per (invadere?) la Corea del Nord

Autosrada intasata da traffico e smog nella provincia di Jilin (foto: STR/AFP/Getty Images).

Una superstrada in costruzione vicino alla frontiera tra Cina e Corea del Nord, ha richiamato l’attenzione alla luce dei recenti test nucleari e missilistici della Corea del Nord.

Secondo i media di regime cinesi, i lavori per realizzare l’autostrada G1112 Ji’an-Shuangliao, sono iniziati quanto meno dal 2010. La nuova autostrada  è destinata a collegare due città della provincia di Jilin: Shuangliao, sul confine occidentale, e Ji’an che si trova all’estremità opposta della provincia, al confine con la Corea del Nord.

Rick Fisher, ricercatore capo della commissione di esperti International Assessment and Strategy Center osserva che «la G1112 attraversa Tonghua, nota da tempo per la base di missili nucleari a media portata dell’esercito cinese». E precisa che tutte le strade vicino alla frontiera tra Cina e Corea del Nord potrebbero essere utilizzate per inviare l’esercito in Corea del Nord «se i dirigenti cinesi lo ordinassero».

Nel novembre del 2015, il canale della televisione di Hong Kong Phoenix Tv, riportava che il tratto della superstrada tra Meihekou et Tonghua era stato aperto alla circolazione. Nell’ottobre di quest’anno, la rivista britannica Daily Express ha ricevuto le foto dell’autostrada in costruzione.

Le recenti tensioni tra Corea del Nord e Stati Uniti, hanno fatto temere che tra i due Paesi possa esplodere un conflitto. Considerato che la Cina è il Paese più vicino alla Corea del Nord, il suo più importante partner commerciale e principale alleato, gli Usa hanno fatto pressioni su di essa per cercare un appoggio nell’azione di contenimento delle ambizioni nucleari del regime nordcoreano.

Tuttavia, la situazione è molto delicata, se si tiene conto che i due Paesi formano un’alleanza comunista.

Il primo novembre 2017, il leader cinese Xi Jinping ha risposto a un messaggio di felicitazioni dal Paese confinante, in occasione della conferma del suo mandato per altri cinque anni. Secondo l’agenzia di regime Kcna, Xi ha dichiarato che spera di «sviluppare le relazioni e di contribuire alla difesa della pace e della stabilità nazionali come pure alla prosperità comune».

Benché sia uno scambio rituale, si è verificato in un momento difficile per le relazioni tra Stati Uniti, Cina e Corea del Nord. Nello stesso tempo, in seguito alle tensioni nate dall’impiego di un sistema antimissili americano, la Cina ha accettato di riallacciare i rapporti con la Corea del Sud.
In questo quadro, il 7 e 8 novembre il presidente degli Stati Uniti Donald Trump si recherà in Corea del Sud e in Cina.

 

Articolo in inglese: Expressway Being Built in Northeastern China Could Be Used for Transporting Troops to North Korea, Says Expert

Traduzione di Francesca Saba

Top