Han Xin, uno dei Magnifici Tre della dinastia Han

Han Xin, un raro stratega brillante proveniente da una famiglia povera Illustratore: Blue Hsiao (Blue Hsiao / The Epoch Times)

Han Xin fu un celebre generale che diede un grande contributo alla fondazione della dinastia Han. Brillante e raro stratega, proveniente da una famiglia povera, è riconosciuto come uno dei ‘Magnifici Tre della dinastia Han’.

Han Xin era molto povero da giovane e rimase presto orfano. Nonostante le umili origini, studiò molto diligentemente tattica e strategia militare, con la grande ambizione di diventare, un giorno, una persona importante. Senza un qualunque tipo di sostentamento economico, dovette spesso recarsi a casa di amici per chiedere del cibo. Per questo motivo non era benvisto e una volta fu persino insultato dalla moglie di un suo amico che gli tagliò i viveri. Dovette andare lungo un fiume nel tentativo di pescare del pesce per nutrirsi, ma non ebbe fortuna. Chiese allora l’elemosina alle donne che stavano lavando gli abiti nel fiume, e solo un’anziana lavandaia fu così gentile da dargli un po’ di cibo.

Essendo povero, Han Xin veniva spesso discriminato dalla gente che lo circondava. Una volta fu addirittura fermato da un gruppo di furfanti per strada, e un macellaio gli ordinò strisciare sotto i suoi piedi, altrimenti lo avrebbe ucciso con la sua spada. Han Xin non volle uccidere l’uomo e pagare con la sua vita, quindi strisciò tra i piedi del macellaio di fronte alla folla. Questa è la famosa storia conosciuta come‘l’umiliazione di Han Xin che striscia sotto i piedi’ .

Nel 209 a.C. due contadini cominciarono una rivolta contro la corrotta dinastia Qin. Presto sommosse scoppiarono in tutta la Cina. Han Xin si unì all’esercito ribelle dello Stato di Chu, ma fu preso alla leggera dal duca di Chu e finì per fare la guardia. Infastidito dal trattamento ricevuto, lasciò Chu per un altro esercito guidato dal duca di Han.

In diverse occasioni, Han Xin fu raccomandato fortemente da Xiao He al duca di Han, e infine venne nominato generale esperto con una grande cerimonia. In pochi anni ottenne numerose ed eccezionali vittorie e conquistò molti Stati per Han, diventando la persona chiave che avrebbe deciso gli esiti della grande guerra tra Han e Chu.

Nel 202 a.C., lo Stato di Chu e quello di Han si scontrarono in una battaglia decisiva. Il duca di Chu comandò a 100 mila truppe di Chu di attaccare violentemente il fronte di Han. Come comandante supremo, Han Xin ordinò alla sezione centrale delle sue truppe di ritirarsi di poco e di evitare il violento impatto delle truppe di Chu. Quindi mandò entrambe le ali ad attaccare dai fianchi, e poi ordinò alle truppe della sezione centrale di spingere avanti. Con questa strategia circondò completamente le truppe di Chu. Durante la notte, Han Xin ordinò alle sue truppe di cantare alcune canzoni dello Stato di Chu da entrambi i lati. Le truppe di Chu allora persero il loro spirito combattivo e immediatamente vennero annientate. Il duca di Chu si suicidò e i cinque anni di guerra tra Chu e Han finirono; Liu Bang conquistò il Paese con l’aiuto di Han Xin.

Più tardi Han Xin tornò nella sua città natia con grandi onori e ricchezze. Trovò la vecchia lavandaia che gli aveva donato del cibo e la ricompensò con migliaia di ori. Il furfante che lo aveva umiliato fu terrorizzato dal suo ritorno, ma Han Xin gli offrì un titolo di ufficiale militare di basso rango, per le sue abilità nel combattimento di strada.

Han Xin è stato rispettato dalla gente per la sua personalità e per le sue conquiste. Fu famoso per essere tollerante, fedele e riconoscente. Quanto al talento militare, fu riconosciuto come ‘raro stratega brillante’. Il suo principio di manovra delle truppe fu molto elogiato dagli strateghi militari che vennero dopo di lui. Secondo alcuni documenti storici cinesi, pare che avesse scritto tre capitoli del libroStrategia Militare, ma sfortunatamente il libro è andato perso.

L’abilità di Han Xin provocò grandi inquietudini al duca di Han dopo che gli Stati furono unificati. Il potere militare di Han Xin fu presto revocato e fu reso un nobile, ma con poco potere. Poi fu degradato a marchese di Huaiyin e posto agli arresti domiciliari.

Nel 196 a.C., Han Xin fu adescato al Palazzo dal primo ministro Xiao He, al quale era sempre grato per la raccomandazione nei suoi primi anni, ma questa volta Han Xin fu giustiziato nel Palazzo con l’accusa di cospirazione contro lo Stato. È triste constatare come un grande generale del suo tempo sia stato ucciso in questo modo.

Top