Gli animali domestici diffondono l’Ebola? Mancano risposte concrete

Le autorità spagnole hanno praticato l’eutanasia sul cane di Teresa Romero Ramos, l’infermiera di Madrid che ha contratto l’Ebola. Il cane di 12 anni, Excalibur, non mostrava sintomi e non è stato sottoposto ad analisi per l’Ebola, ma ha vissuto con la Romero Ramos quando si è ammalata ed è stato abbattuto per precauzione, malgrado le diffuse proteste.

Ciò ha incrementato le domande sul ruolo che gli animali domestici possono giocare nell’epidemia di Ebola. Ma prima di passare ai gatti e ai cani, dobbiamo iniziare dai pipistrelli – l’ospite naturale dell’Ebola e di una quantità di altri virus quali virus Hendra, rabbiaSars (improvvisa sindrome respiratoria acuta) e Mers (sindrome respiratoria del medio-oriente).

I pipistrelli della frutta africani, sono stati individuati come gli ospiti del virus Ebola dello Zaire dopo che sono stati ritrovati degli anticorpi in determinate specie. Anche se, stranamente, i pipistrelli non sono affetti dal virus.

OSPITI INTERMEDI NELLA TRASMISSIONE VIRALE

Per molti dei virus che riguardano i pipistrelli, non vi è una trasmissione evidente tra pipistrello e uomo; accade molto più di frequente che un ospite intermedio (o ospite spillover) viene infettato attraverso il contatto con materiale infetto del pipistrello.

Generalmente gli ospiti spillover sviluppano diversi disturbi e sono in grado di trasmettere il virus in grandi quantità, che può passare nelle persone che vengono a stretto contatto con le secrezioni di animali infetti.

Gli ospiti intermedi possono includere i cavalli nel caso del virus Hendra, i maiali per ilvirus Nipah e le civette delle palme nel caso della Sars.

Per l’Ebola si ritiene che il contatto con alcuni animali selvaggi tra cui i gorilla, gli scimpanzé e le antilopi, sia stata la fonte dell’infezione umana.

Sebbene l’ospite intermedio sia conosciuto per molti virus trasmessi dai pipistrelli, il ruolo che altri animali domestici giocano nel ciclo di trasmissione è per lo più sconosciuto.

GLI ANIMALI DOMESTICI SONO UN RISCHIO?

Durante la precedente epidemia di Ebola, gli scienziati hanno scoperto degli specifici anticorpi per il virus nei cani. Ma i Canidi non avevano mostrato alcun sintomo. Non è ancora chiaro se la trasmissione tra cane e uomo sia possibile, così come non è chiaro il meccanismo per cui i cani e gli altri animali domestici si infettino.

Una situazione simile si è verificata in Australia nel 2011, quando degli anticorpi specifici per il virus Hendra sono stati trovati in un cane proveniente da una proprietà in cui il virus ha infettato i cavalli del posto. Anche in tal caso sappiamo poco sulle dinamiche delle infezioni del virus nei cani.

Nonostante i gatti non siano immuni al disturbo da virus Hendra, la trasmissione naturale da pipistrelli o cavalli infetti ai gatti non è stata dimostrata.

Un fattore complesso è che le persone che guariscono dall’infezione del virus Hendra possono provare una conseguente ricaduta nella malattia. È ancora da scoprire se i virus quali l’Ebola e il virus Hendra possano essere inattivi negli animali domestici e reagire in un momento futuro.

CONDIZIONI FAVOREVOLI DI TRASMISSIONE

Mentre sono tuttora in corso delle ricerche in merito, i meccanismi implicati nella trasmissione dell’Ebola e di altri virus – di cui i pipistrelli sono portatori – agli ospiti intermedi sono attualmente poco compresi. Sembra che si verifichi come risultato del contatto con le secrezioni del pipistrello o la frutta mangiata solo in parte che i pipistrelli masticano e lasciano cadere al suolo.

Ma la trasmissione dei virus dai pipistrelli alle altre specie dipende, in gran parte, dalle condizioni favorevoli.

I pipistrelli e i virus hanno coesistito a lungo, ma le interazioni tra i pipistrelli e altre specie quali gli umani si sono praticamente verificate solo di recente.L’urbanizzazione e la deforestazione hanno provocato un incremento dello sconfinamento degli uomini e degli animali domestici negli habitat dei pipistrelli.

Analogamente, i negozi di animali come quelli nel sud della Cina, in cui la Sars è stata riscontrata nelle civette delle palme, sono associati allo stretto contatto tra una varietà di specie differenti e forniscono un ambiente ideale perché avvenga lo spillover.

Anche le pratiche sociali e culturali giocano un ruolo importante nella trasmissione virale tra le quali il consumo di bushmeat (selvaggina delle foreste tropicali) proveniente da animali quali primati non umani e pipistrelli.

In ognuna di queste situazioni, gli umani hanno fornito la possibilità per contatti inter-specie che non si sarebbero verificati altrimenti.

I pipistrelli hanno un posto importante nel nostro ecosistema e abbiamo tanto da imparare da loro. Per aiutare a controllare e prevenire le epidemie future, abbiamo bisogno di una comprensione scientifica e più approfondita dei rischi associati all’aumento dell’interazione delle persone e degli animali con la vita selvaggia.

Michelle Baker riceve fondi dall’Australian Research Council. Questo articolo è stato pubblicato originariamente su The ConversationLeggi l’originale.

Visita la nostra pagina Facebook e il nostro account Twitter

Articolo in inglese: We Still Don’t Know If Domestic Animals Can Spread Ebola
Top