Energy drink e danni cerebrali

Una donna americana ha recentemente dichiarato che suo marito ha subito una emorragia cerebrale tale da causare un’asportazione parziale del cranio, a seguito dell’elevato consumo delle bibite cosiddette ‘energy drink’. Brianna (questo il nome della donna, che non ha rivelato il cognome) secondo quanto riferito da Fox News e Aol ha scritto su Facebook che il marito, Austin, ha iniziato a bere bevande energetiche a causa di turni lavorativi più lunghi e spostamenti in treno.

Alcuni media hanno salvato il post di Facebook per raccontare questa vicenda, ma date, luoghi e altre informazioni non sono state incluse nella storia. Non è chiaro quale marca di energy drink Austin abbia consumato, ma la foto pubblicata su Facebook, con una parte del cranio mancante, è impressionante. Brianna ha dichiarato che sono stati i medici a incolpare le bevande energetiche, ma al momento nessun medico ha commentato.

«Ricordo ancora mia suocera quando mi ha svegliata quel mattino: “Austin ha avuto un incidente”. Sapevo solo che mio marito era in ospedale, e la cosa peggiore era che non ne conoscevo il motivo». Mentre Brianna e la famiglia andavano in ospedale, Austin era già in sala operatoria. «Il giorno dopo è stato sottoposto a un altro intervento chirurgico al cervello, poi sono arrivate convulsioni, gonfiori e altre complicazioni a cui non eravamo preparati. Un giorno, seduta accanto al letto d’ospedale, ho pregato che stesse bene, sapendo che non avrei mai rinunciato a lui, indipendentemente da quanto la nostra vita potesse essere messa nel caos. Dovevo stare al suo fianco».

In quel momento, Brianna aspettava un figlio: «Essere in gravidanza dovrebbe essere una delle cose più meravigliose della vita. Si crea una nuova vita. Si vive un amore incondizionato». Quando Brianna ha portato a Austin il figlio in ospedale «è accaduto un miracolo bellissimo. Austin si è svegliato. Per una settimana non gli avevo fatto visita. Pensavo a lui ogni giorno. Ho pianto mentre guardavo il mio bambino che somigliava a suo padre come una goccia d’acqua. Quando il bambino aveva solo una settimana, l’ho lasciato con i miei genitori. Sapevo che dovevo vedere Austin, avevo bisogno di dirgli che il nostro bambino era qui».

Poi, Brianna ha maturato una comprensione. «La nostra vita non è normale, tra visite mediche e all’ospedale, ho perso il conto. Ma siamo qui. Lottando. Mi sveglio ogni giorno per prendermi cura del nostro bellissimo bimbo e di mio marito. Preparo da mangiare, la terapia fisica, la terapia vocale e la terapia occupazionale. Lo aiuto nell’igiene personale. Lo aiuto a camminare. Lo aiuto in ogni aspetto della sua vita. E tra questi compiti mi occupo del nostro bimbo di otto mesi. È difficile e sono stanca, ma facciamo del nostro meglio. Non è lo stesso uomo di cui mi sono innamorata, ma faccio del mio meglio ogni giorno, stiamo lottando per aiutarlo a recuperare. Per rendere la sua vita migliore».

Secondo uno studio dello scorso aprile, l’assunzione di quasi un litro di energy drink è associata a cambiamenti potenzialmente dannosi della pressione sanguigna e della funzione cardiaca, maggiori rispetto alla sola assunzione di caffeina.

La caffeina fino a dosi di 400 milligrammi è generalmente riconosciuta come sicura dalla Food and Drug Administration, l’ente americano che si occupa di regolamentare i prodotti alimentari e i farmaci. Gli energy drink solitamente contengono caffeina, ma in merito alla loro sicurezza rispetto ad eventuali altri ingredienti, secondo un team di ricerca che ha pubblicato uno studio sul Journal of the American Heart Association, si sa ancora poco.

«L’industria degli energy drink sostiene che prodotti siano sicuri poiché non contengono più caffeina di un caffè espresso – spiega il dottor Jennifer Harris dell’Università del Connecticut, e non coinvolto nello studio – Tuttavia, le bevande energetiche contengono anche una miscela energetica brevettata, tipicamente composta da stimolanti e altri additivi. Alcuni di questi ingredienti (tra cui taurina e guaranà) non sono stati approvati dalla Food and Drug Administration come sicuri e pochi studi hanno testato gli effetti del consumo di caffeina assieme a questi nuovi ingredienti».

 

Articolo in inglese: ‘Woman Claims Energy Drinks Left Hole in Head of Husband: Reports

Traduzione di Massimiliano Russano

Top