Curare l’udito con la medicina cinese

(Shutterstock)

È nella natura umana non preoccuparsi delle cose fino a quando qualcosa non va storto e le orecchie non fanno eccezione. Sebbene questi problemi possano apparire di facile soluzione, in realtà la medicina cinese li tratta in modo molto approfondito.

Gli agopuntori ritengono infatti che i sintomi legati all’orecchio abbiano a che fare con il Sistema renale: nella medicina cinese, il rene è l’organo responsabile della costituzione del corpo in generale ed è sede di sostanze vitali come lo Yin e lo Yang. Ogni sistema-organo ha inoltre una componente sensoriale e per il rene questa componente è l’udito e le orecchie. 

IL SISTEMA RENALE NELLA MEDICINA TRADIZIONALE CINESE

Il rene è associato a crescita, sviluppo, fertilità e anche a un buon invecchiamento. Quando l’energia del rene si esaurisce, un sintomo comune è la perdita di udito o un ronzio nelle orecchie (acufene).

Quando si invecchia, l’acufene e la perdita dell’udito possono diventare sintomi normali nella vita di una persona: è un segno del costante declino dell’essenza del rene, la costituzione del corpo. L’acufene si può alleviare attraverso la medicina cinese ma questo può richiedere molto tempo; il lavoro di agopuntore consiste infatti nel porre principalmente rimedio ad anni di terapie inefficaci e di lavoro sotto stress, due tipi di condizioni che riducono l’energia del sistema renale. 

Dal punto di vista occidentale, l’acufene è il modo in cui il cervello compensa la perdita di udito, attraverso un lavoro straordinario. Per rendere l’idea, basti pensare a quando si accende l’impianto stereo e si alza il volume al massimo senza riprodurre alcuna musica: si può sentire un ronzio senza che esca alcun suono.

Riposare abbastanza ed evitare lo stress a lungo termine sono due ottimi consigli per preservare il proprio udito. (Immagine: Shutterstock)  

Come è noto, è naturale sperimentare una perdita di udito con l’età, ma l’esposizione a forti rumori può accelerare l’insorgenza di questo problema. Per esempio il traffico intenso, vivere vicino a un aeroporto o ascoltare in prima fila molti concerti rock, sono tutti fattori di rischio.
Inoltre, anche un’assunzione eccessiva di aspirina può provocare fischi alle orecchie poiché i salicilati presenti in questo farmaco (una tipologia di sostanze antinfiammatori) sono escreti attraverso i reni, causando stress al sistema del rene con conseguenti fischi alle orecchie. In questo caso, la buona notizia è che se si smette di assumere aspirina, con la sua totale espulsione dal corpo l’acufene dovrebbe fermarsi. 

I problemi all’orecchio possono derivare anche da altre cause. Serrare la mandibola di notte e problemi all’articolazione temporo-mandibolare (situata davanti alle orecchie) possono influenzare l’udito e provocare dolore alle orecchie. 

Le trombe di Eustachio quando sono bloccate possono tappare le orecchie e influenzare l’ascolto. Questo genere di blocco, se è causato da un raffreddore o da un’influenza, dovrebbe risolversi entro un paio di giorni; ma in caso di sinusite o problemi cronici all’orecchio è probabile che la sovrapproduzione di catarro e di umidità tipica di questi casi, sia causata da problemi digestivi del corpo. 

L’orecchio interno, che è parte del sistema sensoriale dell’orecchio, è responsabile del mantenimento dell’equilibrio e della propriocezione (la capacità del corpo di riconoscere la propria posizione nello spazio).
Problemi tipici dell’orecchio interno sono capogiri e vertigini, che nella medicina cinese vengono di solito diagnosticati come ‘il vento interno’. In sostanza, il vento è considerato il movimento in cui non dovrebbe essere presente niente, ed è associato, oltre a capogiri e vertigini, a tremori, contrazioni e persino intorpidimento e formicolio. Nella maggior parte dei casi, il vento interno è causato da una ‘deplezione’ dello Yin del rene (come se perdesse umidità) che provoca l’aumento dello Yang, che a sua volta innesca i sintomi. 

Mangiare molti alimenti di colore scuro aiuta a mantenere le orecchie sane. (Shutterstock)  

Sebbene generalmente le persone non pensino molto alle proprie orecchie fino a quando non insorge un problema, è buona norma evitare rumori molto forti e mantenere il sistema renale il più sano possibile, attraverso un sano riposo, il controllo dello stress a lungo termine e l’assunzione di alimenti di colore scuro: così i reni ringrazieranno.
 

Lynn Jaffee è agopuntore certificato e autrice del libro ‘Simple Steps: The Chinese Way to Better Health‘ [Semplici passaggi: la via cinese per migliorare la salute, ndt]. 


Articolo in inglese: ‘Here’s Why Your Ears Ring According to Chinese Medicine

Top