Avvocato di Pechino denuncia esecuzione per espianto organi in ospedale

Uno screenshot del messaggio di Han Bing su Weibo prima di essere cancellato. (Weibo.com)

Un avvocato di Pechino ha denunciato l’esecuzione di un prigioniero del braccio della morte, avvenuta in ospedale, affermando che sarebbe stata applicata in quanto conveniente per l’espianto dei suoi organi, prelevati nello stesso momento dell’esecuzione.

L’avvocato Han Bing dello Studio Legale H & J di Pechino, che rappresenta la famiglia dell’uomo giustiziato, ha postato un messaggio su Sina Weibo, servizio cinese simile a Twitter, il 6 dicembre.

Ha detto: “Questa mattina ho assistito a una orribile pratica di esecuzione. La Corte Suprema, questa settimana, ha contattato l’Alta Corte Provinciale per riesaminare un certo caso di pena di morte. Tuttavia la Corte Popolare Intermedia ha fatto immediatamente giustiziare il prigioniero senza avvisare i parenti per un’ultima visita di addio. La ragione dell’esecuzione improvvisa era che il prigioniero condannato a morte aveva ‘volontariamente’ firmato un permesso per le donazione degli organi. Per assicurare la qualità degli organi, l’esecuzione è stata eseguita all’ospedale. Quei giudici e medici senza coscienza trasformano un ospedale in un luogo di esecuzione e in un mercato per il traffico di organi!”

In risposta alle domande previste, Han ha scritto: “I miei ringraziamenti agli utenti della rete e ai media per il vostro grande interesse in questa faccenda. Io sono in carica per questo caso, ma la situazione è avvenuta improvvisamente e inaspettatamente. Per conto dei parenti, indagheremo con la Corte Suprema sull’esecuzione, non appena i preparativi per il funerale saranno completati. Non possono essere rivelati ulteriori dettagli adesso. Grazie per la vostra comprensione!”

Il messaggio su Weibo di Han è stato ripubblicato e commentato quasi 24.000 volte stando alle 2:30 del 7 dicembre. È stato cancellato il 9 dicembre.

Digg88, un utente di Shenzhen che lavora per la Kingdee, compagnia di software, ha detto su Weibo: “La regola di comprare e vendere organi dai prigionieri del braccio della morte c’è stata per molti anni, secondo un mio amico che lavorava nel sistema giudiziario”.

La Doctors Against Forced Organ Harvesting (DAFOH), un gruppo no-profit con sede a Washington, ha recentemente fatto una dichiarazione a riguardo del piano del regime cinese di eliminare gradualmente la pratica dell’espianto di organi ai prigionieri giustiziati. “La DAFOH è preoccupata che i cambiamenti annunciati abbiano lo scopo principale di appagare la comunità internazionale, mentre gli abusi immorali dei trapianti di organi continueranno in segreto”.

“Dopo anni di negazione dell’uso dei prigionieri giustiziati come fonte per i trapianti di organi, la Cina ha poi ammesso questa pratica immorale. Tuttavia non ha ancora ammesso l’utilizzo degli organi dei prigionieri di coscienza detenuti. Senza rivelare la reale fonte degli organi, non c’è ragione per supporre che l’espianto degli organi dai praticanti del Falun Gong sarà eliminato anch’esso gradualmente”, afferma la dichiarazione.

Il dott. Arthur Caplan, capo della Divisione di Biotetica al Langone Medical Center della New York University, ha dato inizio a una petizione presso il sito web “We the People” della Casa Bianca il 2 dicembre, chiedendo al governo statunitense di indagare e condannare la pratica del regime cinese di uccidere i praticanti del Falun Gong e i prigionieri di coscienza per l’espianto dei loro organi.

Leggi l’articolo cinese originale.

Articolo in inglese: Beijing Lawyer Denounces Execution for Organs at Hospital
Top