Ciclismo U23, Riabushenko domina il 79° Giro del Belvedere


Il bielorusso Riabushenko vince allo sprint a ranghi ristretti il 79° Giro del Belvedere, precedendo nell'ordine l'australiano Hamilton e il primo degli italiani, Matteo Fabbro. (Massimo Marcon / Epoch Times)



CORDIGNANO (TV) – Per il secondo anno consecutivo la classica internazionale ciclistica di pasquetta per Under 23 va a uno straniero. Il Giro del Belvedere aggiunge il nome di un campione europeo al prestigiosissimo albo d’oro: tra due ali di folla sul rettilineo in leggera ascesa di Villa di Villa, Aleksandr Riabushenko domina nello sprint a tre che anticipa di pochi secondi l’arrivo del drappello degli inseguitori, e vince a braccia alzate. Il Bielorusso precede nell’ordine il nazionale australiano Lucas Hamilton e l’alfiere del Cycling Team Friuli Matteo Fabbro, primo degli italiani.

È una «gara molto importante – dichiara a caldo il capitano del team Palazzago prima di salire sul gradino più alto del podio – Sognavo di vincere qui con questa maglia».

Infatti, il Giro del Belvedere, il Palio del Recioto, che si corre il giorno dopo a Negrar, e il trofeo Piva, dove Riabushenko ha conquistato il terzo gradino del podio lo scorso 2 aprile, formano il più prestigioso trittico veneto di ciclismo per ciclisti dilettanti, e chi è salito sul podio di una di queste tre gare nelle passate edizioni è spesso divenuto professionista subito dopo.

Lo stoico Matteo Fabbro sale sul terzo gradino del podio ricevendo anche il premio del più combattivo: «È stata una gara movimentata fin dall’inizio. Ci sono state diverse cadute dall’inizio alla fine – racconta il giovane di Codroipo – Sull’ultima salita [il Montaner, affrontanta per la seconda e ultima volta, dopo 157 chilometri e quando ne mancano nove all’arrivo, ndr] ho provato ad attaccare e siamo rimasti in due». Ma il friulano e l’australiano Hamilton, vincitore della classifica del gran premio della montagna, sono stati raggiunti sull’ultima rampa al 20 percento da Riabushenko. E quindi «ci ho provato in discesa – racconta poi Fabbro – ma mi hanno preso ai due chilometri». Domani, comunque, «ci riproviamo», conclude.

Ordine d'arrivo del 79° Giro del Belvedere:

  1. Riabushenko Aleksandr del Team Palazzago Amaru che completa i 166,6 km del percorso in 3h 48' alla media di 43,763 km/h
  2. Hamilton Lucas dell'Australia - National Team
  3. Fabbro Matteo del Cycling Team Friuli
  4. Savini Daniel del Gs Maltinti Lamp. Banca Di Cambiano
  5. Costa Adrien dell'Axeon Hagens Berman - Usa
  6. Powless Neilson dell'Axeon Hagens Berman - Usa
  7. Zilio Giacomo della Zalf Euromobil Desiree Fior
  8. Storer Michael dell'Australia - National Team
  9. Romano Francesco del Team Palazzago Amaru
  10. Pogacar Tadej della Rog Ljubljana – Slovenia




Top