Derby alla Lazio e Napoli a -1 dalla Roma, Juve a un passo dal 33esimo scudetto


Callejon segna il suo gol contro l'Inter, 30 aprile 2017 (Emilio Andreoli/Getty Images )



Siamo oramai all'epilogo di un campionato che, seppur leggermente più equilibrato dei passati anni, per il sesto anno consecutivo ha comunque confermato la schiacciante superiorità della Juventus. I bianconeri infatti, come nella passata stagione, potrebbero aggiudicarsi lo scudetto al 35esimo turno con tre giornate di anticipo, nel derby di Torino.

Questa trentaquattresima giornata, è iniziata venerdì con il passo falso proprio della Juventus a Bergamo contro la squadra rivelazione del campionato, l'Atalanta di Gasperini, che ha messo in difficoltà i bianconeri raggiungendoli sul 2 a 2 all'89esimo con un gol di Freuler, dopo che i bianconeri erano riusciti a ribaltare il risultato di svantaggio iniziale.

Il turno è proseguito con il pareggio per 1 a 1 nell'anticipo di sabato tra Torino e Sampdoria, che ha lasciato all'asciutto di reti il capocannoniere granata, il Gallo Belotti.

Ad aprire le danze nella giornata di domenica è stato invece il derby romano, partita chiave per mantenere aperto il campionato e che ha invece svolto la funzione opposta, con il crollo a sorpresa della Roma, contro una Lazio che è apparsa più fresca e soprattutto più motivata. Il rigore fischiato da Orsato per un fallo inesistente su Strootman, che aveva fatto chiudere il primo tempo sul risultato di parità, non è bastato ai giallorossi per riprendersi dal gol iniziale di un ottimo Keita in grande forma. La ripresa ha premiato infatti la reazione dei biancocelesti, che alla fine hanno lasciato gli uomini di Spalletti dietro di due gol, per il risultato finale di 1 a 3.

I giallorossi non sfruttando il passo falso dei bianconeri, possono dire con quasi matematica certezza addio a ogni ultima speranza scudetto. Una vittoria nel derby invece avrebbe tenuto aperto il campionato portando la Roma a -6 dalla Juventus a quattro giornate dalla conclusione, con 12 punti a disposizione e un calendario non proprio favorevole alla Juventus, dato che deve affrontare il Torino di Belotti in lotta per la classifica cannonieri, ma soprattutto la gara insidiosa col Crotone, che lotta per la salvezza e mira a superare l'Empoli. Senza contare poi lo scontro diretto ancora da giocare con la Roma, il tutto mentre la Juve avrebbe avuto la testa inevitabilmente concentrata sulla Champions e quindi più soggetta a commettere errori in campionato.
La Roma quindi, con la vittoria contro la Lazio, avrebbe potuto ancora paradossalmente lottare per lo scudetto, o se non altro rendere il finale della stagione più emozionante se si considera anche lo slancio inevitabile che la vittoria al derby le avrebbe potuto dare. Ora i giallorossi rischiano invece di finire terzi.

Il Napoli infatti, nel posticipo serale di domenica a Milano contro l'Inter, non ha esitato ad approfittare della sconfitta della Roma portandosi a casa tre punti d'oro in chiave secondo posto grazie alla rete di Callejon. Ancora apertissima, dunque, la lotta per il secondo posto, che consentirà di accedere alla Champions senza i preliminari.

Quanto alla salvezza, invece, pareggiando col Milan per 1 a 1, il Crotone ha guadagnato un punto sull'Empoli che si è fatto sconfiggere dal Sassuolo per 1 a 3. Rimane dunque aperta ancora anche la lotta per il quartultimo posto che consente di rimanere in Serie A. L'Atalanta sembra invece più che in grado di potersi difendere dal Milan che insegue con affanno a -5 e conservare quindi un quinto posto che le vale l'Europa.





Top